Il team di Vulcanìc

Vulcanic, sabato la selezione dei vincitori della call “Da idea a progetto”

Ultimo step per la triplice call for ideas lanciata da Vulcanìc di Catania, il primo incubatore che in Sicilia attiva programmi interamente rivolti a chi vuole trasformare la propria idea in un’impresa sostenibile, per prepararsi ad affrontare il mercato e creare un impatto positivo sul territorio. Sabato 2 aprile, infatti (partenza alle 9,30), si terrà la competition per selezionare le tre idee/progetto vincenti per ciascuna delle tre categorie: “Da idea a progetto”, “CoopUp” e “Horto in hotel”.

Le prime tre Call “Da idea a progetto”, attivate da Vulcanìc grazie al contributo di Sheraton Catania Hotel (Horto in hotel) e Confcooperative (CoopUp), hanno visto la partecipazione di oltre 30 idee progettuali che si sono confrontate in una prima fase di selezione durante la quale i vari team candidati hanno avuto l’occasione di conoscersi tra di loro. Dalla partecipazione a queste prime tre call d’incubazione emerge un dato positivo: la Sicilia è un territorio dove le persone vogliono scommettersi, mettersi alla prova e creare qualcosa di nuovo. Ma soprattutto, ne sono state ammesse undici alla fase finale, con un paio di ex aequo che hanno consentito di portarne in “finale” più delle nove previste, tre per ogni call.

Tre gli ambiti toccati dalle call attivate da Vulcanìc: innovazione sociale digitale, agricoltura sostenibile e cooperazione innovativa. Ogni programma di incubazione avrà una durata di 12 mesi, divisa tra 6 di incubazione e 6 di tutoring.

Sabato mattina saranno presenti: Gaetano Mancini, presidente del comitato territoriale di Confcooperative, Ornella Laneri, presidente di Sheraton Catania Hotel, Marco Galvagno, docente dell’Università degli Studi di Catania, Giovanni Morana, co-founder della società Aucta Cognitio.

Per quanto riguarda la Call CoopUp 2016, interamente finanziata dal progetto CoopUp di Confcooperative e rivolta a progetti imprenditoriali in fase pre-startup che intendono valorizzare lo spirito cooperativo per dare vita a nuove economie, sono state selezionate quattro idee progettuali: “Heli-Lab” (un sistema di soluzioni tecnologiche integrate in grado di raccogliere e trasmettere dati provenienti da sensori e device a bordo di droni, frutto della sperimentazione del lavoro aereo in vari ambiti di applicazione); “CarPlusCamp” (un marketplace per mettere in contatto chi cerca con chi offre attrezzatura da campeggio e insieme noleggiare il veicolo adatto per facilitare gli spostamenti); “Pistacia Etna Bio” (una Cooperativa Agricola già costituita e dedita alla valorizzazione economica del pistacchio e di altri prodotti biologici del nostro territorio, mediante un programma che preveda la certificazione BIO e un avanzato sistema di tracciabilità che porti la storia dei prodotti in etichetta); “ScR – Spreco come Risorsa” (recuperare le eccedenze alimentari della GDO, distribuire gratuitamente il cibo ai bisognosi e intervenire sullo smaltimento dei rifiuti, riducendo l’impatto ambientale e i costi legati alla tassazione sui rifiuti per le aziende profit).

Per la Call HortoinHotel, offerta da Sheraton Hotel con l’obiettivo di incubare un progetto in grado di realizzare un orto di prodotti biologici, adiacente le cucine del suo “Il Timo Gourmet Restaurant”, sono stati selezionati i seguenti tre progetti: “Biofactory” (un sistema acquaponico di torri di coltivazione, per massimizzare gli spazi produttivi attraverso vasche contenenti pesci di acqua dolce e crostacei); “Hortel” (un processo virtuoso e simbiotico fra hotel, ristoranti, territorio e cultura agricola, che dà la possibilità ai clienti di interagire scegliendo le materie prime da consumare e di partecipare ad esperienze correlate alla cucina tipica); “Smart Green” (coltura acquaponica di frutta e ortaggi che sfrutta gli spazi inutilizzati delle strutture ricettive e dei ristoranti per ottenere prodotti 100% biologici e a chilometro zero).

Infine, per la Call Innovazione Sociale Digitale promossa da Vulcanìc per sostenere progetti che guardano alle tecnologiche come a degli strumenti al servizio dei bisogni sociali e dello sviluppo del territorio, sono stati selezionati per la fase finale i seguenti quattro progetti: “KidsTrip” (strumento per qualificare e certificare le strutture del territorio siciliano che rispettano standard di qualità “kids&family friendly”); “Ocean B&Boat (piattaforma che mette in contatto diretto la domanda, legata alle attività marine a 360°, con l’offerta di privati e agenzie che forniscono tali servizi); “LA.BOO Design e Lavorazione” (laboratorio che utilizza il bamboo per creare prodotti unici, naturali ed ecosostenibili. Il suo primo progetto consiste nella realizzazione di “MOVIMENTO UNICO”, una bicicletta realizzata con un telaio interamente in bamboo e assemblato con fibre naturali); “Ulixes” (marketplace di itinerari turistici creati dalle persone per le persone, che fornisce itinerari differenti per ogni esigenza).

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>