Il team di E Ludo

Videogame, la ricerca di lavoro? E’ diventata un gioco

Employerland è una cittadina digitale un po’ in stile “FarmVille”, che sottopone all’utente registrato sfide online, quiz e test profilati e permette di visitare edifici corrispondenti ad aziende reali per conoscerne l’organizzazione, la struttura e gli obiettivi. Per i 10mila utenti registrati l’obiettivo è scalare le classifiche fino all’ambita “top gamer list”. Per le aziende è invece selezionare fra i giocatori migliori quelli a cui proporre un colloquio di lavoro, o un incontro conoscitivo. Vero. Dietro questa cittadella virtuale del recruiting attraverso un gioco, questa volta un social game “appoggiato” su Facebook e lanciato dalla omonima startup laziale, c’è lo zampino della E-Ludo Interactive, piccola realtà siracusana con sede anche a Catania, nata ufficialmente ad aprile del 2014. I soci sono Salvatore Mica e l’informatico Christian Rizza, mentre Ambra Bonaiuto si occupa di comunicazione e social media management e dell’associazione E-Ludo, intenta a organizzare eventi e formazione per il mondo dell’entertainment e Ict.

Employerland
Employerland

«In questo momento Employerland è uno dei progetti di punta a cui stiamo lavorando – spiega Salvo Mica – ed è incredibile vedere come la gamification applicata alla selezione del personale possa dare risultati efficacissimi. Una giovane laureata è già stata “reclutata” come stagiaire per la Msd Italia grazie al suo piazzamento in “PharmaGame”, il contest di settore ospitato dalla piattaforma. E su Employerland hanno già “aperto” i loro uffici di selezione Luxottica, Procter & Gamble, Bosch, Bnl, Golden Lady, Unilever, Elica.

Il team di E-Ludo, 7-8 persone in tutto, vanta una lista abbastanza lunga nello sviluppo di videogame e prodotti di gamification (tra i quali l’ultimo arrivato è Qking, nato con il supporto di WCap Accelerator di Telecom a Catania). Se Employerland è l’ultimo in ordine cronologico, nella lista ce ne sono tanti altri sviluppati o in cantiere per le piattaforme mobili, per il web e naturalmente anche per girare su Facebook. Tra tutti, il progetto Campusgame, un gioco ancora in fase prototipale con funzionalità di orientamento preuniversitario, allo studio con la collaborazione del Centro orientamento e formazione dell’Università di Catania. (gia.re.)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>