ganiza-team

Ganiza, l’app per uscire con gli amici, è pronta a sbarcare sull’Apple Watch

La notizia più recente è quella dell’investimento ricevuto da Sistema Investimenti, una holding di partecipazioni guidata dal catanese Antonio Zangara, che ha deciso di scommettere su Ganiza, l’app per decidere cosa fare con gli amici, e sul suo team. «Un investimento che ha il taglio di un seed capital normale e per il quale abbiamo ceduto un quota contenuta, che non ci preclude la possibilità di accogliere altri investitori», spiega Francesco Marino, ceo della startup fondata con Valentino Romano e Daniele Virgillito.

Francesco Marino (ceo, laurea in Economia aziendale e master in Digital economics & entrepreneurship) e Valentino Romano (cto, laurea in Informatica e master in Tecnologie mobile per sviluppo di applicazioni iOs e Android), entrambi catanesi, si sono incontrati nel 2013 all’Appuntamento delle Idee organizzato da Youth Hub Catania. Misero a fuoco l’idea e presentarono il progetto di Ganiza alla call di Tim WCap, vincendo il grant da 25 mila euro per produrre l’applicazione. A questo punto si è unito alla squadra anche Daniele Virgillito, blogger e consulente editoriale originario di Gela, che per Ganiza si occupa di copywriting, social media e digital pr.

L’acceleratore di Telecom Italia (che ha da poco lanciato la call for ideas 2016) li ha messi dentro e Ganiza è stata lanciata sul mercato delle app l’anno scorso, con le versioni per Apple, Android e Windows Phone.

«Siamo cresciuti molto velocemente con un piccolo investimento in marketing, abbiamo raggiunto i 50 mila utenti e siamo una delle 5 startup italiane che Apple ha selezionato per incontrare Tim Cook (il ceo) e Matteo Renzi a Palazzo Chigi, l’unica startup del sud». E se questa è stata la notizia che qualche tempo fa ha portato agli onori delle cronache l’app nata alle falde dell’Etna, adesso forti delle risorse ricevute dai nuovi investitori e della buona impressione fatta al gigante di Cupertino, i tre si preparano ad affrontare lo step 2 della loro sfida.

«Gli obiettivi – spiega Marino – sono lo sviluppo di Ganiza 2.0, con tutta una serie di nuove features, la versione per Apple Watch e quella da desktop per un’esperienza ancora più completa, entro fine luglio. Numericamente puntiamo a raggiungere i 300 mila utenti e avere un secondo round di investimento a fine anno. L’obiettivo più generale è crescere velocemente e affermarci come prima app di social planning ini Europa, anche se già abbiamo utenti in Brasile e Mexico e le possibilità di crescita sono molto interessanti».

Ganiza è nata dall’idea di trovare una soluzione ai tempi spesso biblici per organizzare l’uscita di un gruppo di amici, trovare il “cosa” e poi organizzare il tutto. Marino, Romano e Virgillito hanno provato a facilitare questo processo con una soluzione mobile che aiuta le persone a organizzare e vivere il proprio tempo libero in maniera più veloce e divertente.

Ed ecco Ganiza, l’applicazione mobile che consente di scoprire eventi/attività intorno a sé, proporre idee, invitare amici e conoscenti e scegliere cosa fare in modo veloce e intuitivo. è possibile infatti accedere a un elenco di eventi vicini al luogo in cui ci si trova (serate, aperitivi, mostre, eccetera), creare delle proposte private alternative (film a casa, cena fra amici, festa), inviare una lista di idee al proprio gruppo di amici e fare votare loro la preferita.

Gli amici possono essere invitati tramite Messenger, Whatsapp, mail, sms o tramite link e non devono avere necessariamente Ganiza per votare le proposte che preferiscono, poiché possono votare tramite pagina web. Il modello di business? «Sostanzialmente è l’advertising, seppure innovativo. Ma Ganiza è e resterà sempre gratuita per gli utenti – precisa Francesco Marino -. I partner commerciali che vogliono raggiungere con facilità i ragazzi possono avere molti vantaggi dal nostro strumento, riuscendo pure ad entrare in contatto con i trend maker. Abbiamo cominciato a rivolgerci ad attività che dimostrano di essere smart, già attive sui social network».

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>